La storia di Instagram: passato e presente di un social network in costante crescita

Nato il 6 ottobre 2010 nel cuore della Silicon Valley dalle menti di Kevin Systrom e Mike Krieger, l’anno prossimo Instagram festeggerà il suo primo decennio di attività. Con 19 milioni di utenti attivi solo in Italia, la sua crescita sembra tanto costante quanto inarrestabile.  Pochi però sembrano ricordare le origini di questo social network molto cambiato dal 2012, anno in cui Mark Zuckerberg decise di acquistarlo per 1 miliardo di dollariMa ricordate com’era l’app quando non c’erano ancora gli hashtag o i video?

Dal 2010 al 2019 ecco le tappe fondamentali della storia del social network dei record.

Un’idea vincente

A soli quattro mesi dal suo lancio sull’App Store Instagram raggiunge 1 milione di utenti – incredibile, un social record!

Perché tanto successo?

Per la prima volta gli utenti del social network – siano essi amanti della fotografia o no – possono condividere con la propria rete uno stato d’animo o un avvenimento attraverso una semplice fotografia scattata con il proprio smartphone. La possibilità poi di modificare e/o migliorare questo scatto attraverso l’utilizzo di filtri rese in poco tempo l’applicazione molto popolare. Tanti utenti ma poco ordine. Il team di sviluppatori decide allora di introdurre gli hashtag per rendere il processo interno di ricerca delle foto molto più semplice. L’anno seguente Instagram diventa navigabile anche da pc, ma il vero punto di svolta nella storia del social fotografico più famoso al mondo si avrà nell’aprile del 2012.

3 aprile. Instagram diventa disponibile anche per i dispositivi che supportano Android gli utilizzatori dell’app diventano rapidamente 4 mln!

9 aprile. Facebook  annuncia l’acquisizione dell’app (e dei suoi tredici impiegati).

Cosa cambia?

+ soldi in cassa = maggiori possibilità di sviluppo

Così nel 2013 con la versione 4.0 viene introdotta anche la possibilità di caricare brevi video, per una durata massima di 15 secondi.

Volete sapere cosa accade, come va a finire, chi vince? Non ve ne frega? Ve lo dirò lo stesso, nella prossima entusiasmante puntata.

Recommended Posts